Le giornate di studio e di confronto con la città Saluzzo città storica e di paesaggio che si sono svolte il 20-22 novembre 2014 nascono dalla necessità di proporre alla comunità un momento importante di riflessione, per avviare un percorso reale e progressivo di dibattito e di aggiornamento sui temi della tutela e della valorizzazione del paesaggio e del centro storico saluzzese.
È il proposito dal quale è scaturita l’idea di questo ricco programma di seminari, destinato innanzitutto a cogliere e maturare un percorso di riqualificazione che si imposta sul confronto con le esperienze molteplici a scala nazionale, a partire dagli enti istituzionali che hanno il compito della tutela e per convogliare insieme le più diverse realtà: comunali, delle associazioni, degli enti e di chi opera direttamente e con impegno su questi temi.
Il centro storico di Saluzzo si è posto come occasione di riflessione, anche in relazione alle aspettative di qualità dell’ambiente urbano maturate dai cittadini negli ultimi decenni, come volano per il rilancio dell’edilizia, contenitore in grado di stabilire nuove connessioni e una nuova matrice di turismo sostenibile. Il paesaggio in tutte i suoi aspetti (storico, urbano, naturale e agricolo) necessita di cura e di attenzione, di studio e di conoscenza perché particolarmente fragile e in continuo cambiamento.
I relatori presenti, provenienti da diverse regioni italiane, hanno prospettato casi studio virtuosi e sottolineato criticità nella gestione, comunicazione, promozione del paesaggio, sottolineandone più volte le molteplici accezioni che assume e con le quali si connota.
Le esperienze puntuali di gestione di piani di sviluppo, di salvaguardia e di promozione di alcuni centri storici italiani, hanno caratterizzato il vivace dibattito delle giornate, intensamente vissute e partecipate da un ampio pubblico molto interessato e variamente composto. Matera, Bologna, Mantova e Sabbioneta, Ferrara, Marsciano, i centri della Sardegna e del Trentino si sono mostrati come spunti di riflessione e di pianificazione per la conservazione e la salvaguardia della città di Saluzzo e del paesaggio saluzzese attraverso una tutela attiva e propositiva che coglie le trasformazioni come occasione di dibattito e di confronto.

Il paesaggio è una risorsa inscindibile e fondamentale di sviluppo di tutte le dinamiche territoriali, vitale per la sopravvivenza della società moderna e dell’umanità. Una risorsa plurale e singolare, caratteristica e complementare, economica e sociale, che ci consente di auspicare ancora, nonostante il momento di crisi finanziaria internazionale e della nostra condizione di “calamità” italiana, prospettive di crescita che si possono generare solo a condizione di conservare integra la sua reale identità culturale, storica, artistica, sociale, economica, così diversa e peculiare.
Il paesaggio è forza attiva e dinamica, è risorsa che l’intera comunità è chiamata ad investigare per progettare la ricerca comune di obiettivi per un futuro di crescita, di economia, di sviluppo sociale, di benessere, di sostenibilità e di coesione.
Il paesaggio saluzzese ha avuto e continuerà ad avere nel progetto Saluzzo città storica e di paesaggio una grande possibilità di confronto, di dibattito e di crescita, anche a seguito del recente riconoscimento MabUNESCO, strumento propositivo di uno sviluppo consapevole turistico ed economico, che deve essere guidato da logiche di sostenibilità ambientale e paesaggistiche.

Allegati