» » Istituito presso l’ufficio di Stato Civile il registro delle Disposizioni Anticipate di Trattamento

Istituito presso l’ufficio di Stato Civile il registro delle Disposizioni Anticipate di Trattamento

pubblicato in: Popolazione | 0

La legge n. 219 del 22 dicembre 2017, relativa alle “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, ha stabilito il principio per cui “nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata”.
L’articolo 4 della medesima norma dispone che ogni cittadino – maggiorenne e capace di intendere e di volere – possa, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, esprimere le proprie volontà di consenso o rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, oltre a indicare eventualmente una persona di sua fiducia che lo rappresenti nelle relazioni con i medici e le strutture sanitarie.

Tra le varie forme previste per esprimere le proprie Disposizioni Anticipate di Trattamento (spesso indicate anche con la sola sigla DAT) vi è la possibilità di redigere una scrittura privata e consegnarla personalmente all’ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza, che provvede all’annotazione nell’apposito registro.
Fin dal 2011, ben prima dell’entrata in vigore della recente legge, il Consiglio comunale di Saluzzo aveva già disposto l’istituzione di un registro per la raccolta delle dichiarazioni relative alla redazione e al deposito dei testamenti biologici, a testimonianza della sensibilità della Città su questo tema così importante. In continuità con quanto già deciso a suo tempo, nella seduta dello scorso 23 maggio la Giunta Comunale ha recepito la normativa entrata recentiemente in vigore e ha così previsto l’istituzione del “registro delle disposizioni anticipate di trattamento” e le modalità con cui effettuare la consegna della propria dichiarazione.

Entrando nel dettaglio:

  1. La consegna deve avvenire personalmente da parte della persona interessata (non può essere fatta da un incaricato);
  2. Le DAT vengono consegnate all’ufficio di stato civile, in busta sigillata, contenente l’indicazione delle generalità del disponente, e l’indicazione che la busta contiene una dichiarazione anticipata di trattamento;
  3. Le DAT devono essere accompagnate da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, il cui facsimile sarà scaricabile dal sito internet del Comune di Saluzzo, redatta ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, contenente l’indicazione del fiduciario e dell’eventuale fiduciario supplente; l’ufficio ricevente rilascerà una ricevuta con l’indicazione del numero di annotazione nel registro;
  4. Le DAT possono essere rese solo da persone maggiorenni e capaci di intendere e di volere e, con le stesse modalità, possono essere successivamente modificate o revocate.

Queste modalità operative potrebbero subire della modifiche qualora il ministero competente dovesse emanare in merito delle disposizioni divergenti.