» » Progetto Emergenza Casa 6, Linea di sostegno per famiglie in temporanea emergenza abitativa

Progetto Emergenza Casa 6, Linea di sostegno per famiglie in temporanea emergenza abitativa

pubblicato in: Sociali | 0

La Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, in collaborazione con il Comune di Saluzzo, la Caritas Diocesana e il Consorzio Socio Assistenziale Monviso Solidale, promuove il progetto “EmergenzaCasa 6” per sostenere le famiglie in situazione di temporanea emergenza abitativa, anche a causa delle conseguenze della crisi economica in corso.

Possono fare domanda i conduttori intestatari di un contratto di locazione privato, regolarmente registrato, e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • nucleo familiare (di diritto o di fatto), anche monoparentale, con uno o più figli o parenti a carico, oltre eventualmente al coniuge, in situazione di temporanea difficoltà economica;
  • risiedere in un alloggio concesso in locazione da parte di soggetto privato e non in abitazioni appartenenti all’edilizia pubblica residenziale;
  • non essere legati con il proprietario contraente da vincoli di parentela diretta di primo o secondo grado;
  • risiedere nel Comune di Saluzzo;
  • non essere titolari di diritti esclusivi di proprietà (salvo che si tratti di nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili di categoria catastale A1, A2, A7, A8, A9 e A10 ubicati in qualsiasi località del territorio nazionale;
  • non essere titolari di diritti esclusivi di proprietà (salvo che si tratti di nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili di categoria catastale A3 ubicati nel territorio della provincia di residenza;
  • essere in possesso di I.S.E.E. in corso di validità inferiore o uguale a 12 mila Euro;
  • non aver percepito il contributo nell’ambito della precedente edizioni del Progetto “Emergenza Casa 5 – edizione 2016”;
  • di aver percepito il contributo nelle precedenti edizioni del progetto “Emergenza Casa 1 e 2 e 3 e 4” considerando la precedenza alle NUOVE richieste;

Verrà data priorità ai nuclei familiari con una storia occupazionale precaria e insufficiente per il mantenimento del nucleo familiare, con particolare attenzione ai nuclei monoparentali e alle situazioni di disoccupazione, mobilità, precariato, cassa-integrazione (specialmente per quella a zero ore) o di cessazione dell’attività di tipo autonomo in cui dovessero versare uno o più componenti del nucleo familiare.

La domanda deve essere corredata dalla seguente documentazione:

  • contratto di locazione registrato;
  • documentazione inerente le eventuali spese condominiali correnti (obbligatoria per chi risiede in un condominio);
  • CUD 2017 – redditi 2016 (per i lavoratori dipendenti) o MODELLO UNICO 2017 – redditi 2016, relativi a tutti i percettori di reddito del nucleo familiare;
  • attestazione I.S.E.E. in corso di validità;
  • titolo di soggiorno in corso di validità (obbligatorio per cittadini extra-comunitari).

La domanda potrà essere presentata al Comune di Saluzzo, presso l’Ufficio Servizi alla Persona dal 18 aprile 2017 e fino al 30 settembre 2017, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 e martedì e giovedì anche al pomeriggio dalle ore 14,30 alle ore 16.

L’eventuale erogazione del contributo avverrà, a cura del Comune, previa selezione bimestrale a opera della Commissione locale per l’emergenza abitativa, appositamente costituita e incaricata di valutare la situazione dei nuclei familiari richiedenti sulla base di prestabiliti criteri, che si riunirà nei mesi di giugno, ottobre e dicembre 2017. La Commissione valuterà, a suo insindacabile giudizio, le domande presentate e non saranno ammessi ricorsi, reclami, richieste di riesame, né altre forme di impugnativa.

Attenzione: verrà considerato elemento negativo da parte delle Commissioni locali il mancato pagamento delle rate di affitto a decorrere dalla data di pubblicazione della presente informativa.

Il contributo, fino ad un massimo di Euro 1.700,00 (millesettecento/00), verrà erogato a favore dei condominii e/o dei proprietari che sottoscriveranno un apposito patto di solidarietà, con l’obiettivo ultimo di aiutare i nuclei familiari a superare la temporanea situazione di difficoltà economica, aggravata dalla crisi in atto. L’erogazione del contributo avverrà fino a esaurimento delle risorse disponibili.

Chi volesse ricevere ulteriori informazioni può contattare il Settore servizi alla Persona ai numeri 0175.211333 | 0175.211423.

.