Il Dpr 445/2000 , Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, stabilisce che i seguenti certificati possono essere sostituiti da una dichiarazione da una autodichiarazione in carta semplice, senza necessità dell’autenticazione della firma e corredata dalla fotocopia del documento di riconoscimento:

  • data e luogo di nascita
  • residenza
  • cittadinanza
  • godimento dei diritti civili e politici
  • stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero
  • stato di famiglia
  • esistenza in vita
  • nascita del figlio
  • decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente
  • iscrizione in albi o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni
  • appartenenza a ordini professionali
  • titolo di studio, esami sostenuti
  • qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica
  • situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali
  • assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto
  • possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria
  • stato di disoccupazione
  • qualità di pensionato e categoria di pensione
  • qualità di studente
  • qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili
  • iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo
  • tutte le situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio
  • non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa
  • di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali
  • qualità di vivenza a carico
  • tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile
  • di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

Pertanto le P.A., nonché i gestori di Pubblici Servizi e i Privati che lo consentono, non devono più richiedere i certificati suindicati. Escluso le eccezioni per legge, tutti gli stati, qualità personali o fatti, non compresi nel precedente elenco, possono essere comprovati dall’interessato, a titolo definitivo, mediante la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

E’ possibile autenticare la sottoscrizione di qualsiasi istanza o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con la sottoscrizione in presenza del dipendente addetto o con l’invio delle medesime unendo fotocopia non autenticata del documento di identità di chi sottoscrive

Quando l’istanza o la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà è presentata a privati o agli organi della pubblica amministrazione e ai gestori di servizi pubblici per la riscossione, da parte di terzi, di benefici economici occorre l’autenticazione della firma da parte del notaio, cancelliere, segretario comunale, dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal Sindaco. L’imposta di bollo dev’essere assolta quando il destinatario è persona o ente privato.

La mancata accettazione dell’autocertificazione costituisce violazione dei doveri d’ufficio.
Non sono sostituibili con l’autocertificazione i sottoelencati documenti:

  • certificati medici, sanitari, veterinari
  • certificati di origine e conformità alle norme comunitarie
  • brevetti e marchi

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che il dichiarante rende nel proprio interesse, può riguardare anche stati, qualità personali o fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.

I cittadini comunitari e i cittadini extracomunitari, autorizzati a soggiornare in Italia, possono usufruire dell’autocertificazione, limitatamente agli stati, alle qualità personali e ai fatti attestabili o certificabili da soggetti pubblici italiani.

I certificati medici richiesti agli alunni dagli istituti scolastici per le attività sportive non agonistiche sono sostituiti con un certificato di idoneità rilasciato dal medico di base e valido per tutto l’anno scolastico.

 

Clicca per andare alla sezione modulistica