» » 21 e 23 giugno 2019: la Festa della Musica a Saluzzo

21 e 23 giugno 2019: la Festa della Musica a Saluzzo

Ritorna anche quest’anno la Festa della Musica a Saluzzo, con un vario programma di appuntamenti che si svolgeranno venerdì’ 21 e domenica 23 giugno e che daranno spazio alle scuole di musica e danza della Città nell’ottica di valorizzare le attività di ciascuno.

Questo il programma nel dettaglio:

– VENERDI’ 21 GIUGNO –
La Castiglia
ore 21, – esibizione dei Piccoli Musici suzuki – sezione chitarre
Antico Palazzo Comunale
ore 19.30 – concerto /aperitivo a cura di Aritmia presso Tastè bistrot
ore 21.00 – esibizione dei Piccoli Musici Suzuki – sezione percussioni
Casa Cavassa
ore 21.00 – esibizione dei Piccoli Musici Suzuki – sezione arpe
ore 22.15 – concerto di Valerio Lisci con la classe di arpe della Scuola APM di Saluzzo
Chiesa di San Giovanni
ore 21.00 – concerto dei Polifonici del Marchesato
Cinema Teatro Magda Olivero
ore 21.00 – “Archimedia and Suzuki going rock” con orchestra Archimedia e Piccoli musici Suzuki – sezione Archi
Piazza Vineis
ore 21.00 – “Creature fantastiche” – spettacolo di danza a cura di MOVE – Divertirsi ballando
Piazza Cavour
ore 21.00 – “Emozioni in danza” – rassegna di scuole di danza a cura di A.S.D Mezze&Punte

– DOMENICA 23 GIUGNO –
“50 anni di Canto popolare saluzzese” a cura della Corale Le Tre Valli
dalle 16.00 alle 18.30 – ogni 30 minuti esibizione dei cori “La baita” di Cuneo, “La Cevitou” di Monterosso Grana, “Ij Cantor dla Meidia” di Barge, “Valle Maira” di Busca presso Piazza Denina, Piazza Vineis, via Ludovico II, Piazzetta Santa Maria
ore 19.00 – concerto finale con la partecipazione di tutti i cori presso Piazza Cavour

Con tale programma la città di Saluzzo ha aderito alla rete nazionale della Festa della Musica (www.festadellamusica.beniculturali.it.) promossa dal Mibac e all’AIPFM (Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica) nel rispetto dei principi della Carta di Budapest.
Inoltre, in occasione della Festa della Musica, tutti i musei (Castiglia, Casa Cavassa, Pinacoteca Matteo Olivero con Torre Civica e Casa Pellico) saranno aperti Venerdì 21 giugno dalle ore 21 alle ore 24 con ingresso gratuito e possibilità di visite guidate negli intermezzi dei concerti.

La Festa della Musica
Nata in Francia nel 1982, la Fête de la Musique è diventata un autentico fenomeno che coinvolge ormai numerose città in tutto il mondo: dal 1995, hanno aderito moltissime Città Europee, trasformando la festa in veri e propri festival della musica. Numerosi istituti, amministrazioni, centri culturali, operatori, professionisti hanno contribuito a questo sviluppo nazionale ed internazionale, organizzando eventi di anno in anno. La festa ha saputo inventarsi, reinventarsi e diventare una manifestazione musicale di livello internazionale.
Nel 2016 in Italia la svolta, grazie al lavoro fatto dalla AIPFM (Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica) e dalla presenza istituzionale del Ministero dei Beni Culturali e turistici, hanno aderito più di 280 città, dando vita a una rete distribuita su tutto il territorio nazionale. Tantissimi concerti di musica dal vivo si svolgono ogni anno, il 21 giugno, in tutte le città, principalmente all’aria aperta, con la partecipazione di musicisti di ogni livello e di ogni genere.
Nel 2018 le città partecipanti all’evento sono state circa 700. Lo spirito è quello di una festa popolare, della partecipazione come momento di socialità, creatività, espressività, di tutte quelle persone che, prescindendo dall’attività professionale, o aspirando a una carriera musicale, desiderano esibirsi di fronte ad un vasto pubblico.
La Città di Saluzzo aderisce all’iniziativa dal 2002.

Carta dei principi di Budapest
La Festa della Musica, nata in Francia nel 1982, ha visto i suoi primi sviluppi in Europa nel 1985 in occasione dell’anno europeo della Musica. A partire dal 1995, gli organismi pubblici e privati qui riuniti, sono co-organizzatori di una Festa europea della Musica, ogni 21 giugno, al fine di testimoniare, attraverso un avvenimento comune, la volontà di favorire una migliore conoscenza delle realtà artistiche attuali dei propri paesi, e di sviluppare gli scambi, in ambito musicale, tra i paesi dell’Unione europea e della grande Europa.
Questo avvenimento prende forma attraverso una grande manifestazione locale in ciascuno dei paesi o in ciascuna delle collettività partner, e ha la finalità di favorire gli incontri multilaterali tra musicisti europei. La Festa Europea della Musica ha per vocazione il rafforzarsi della cooperazione europea con l’appoggio degli associati affinché possano emergere le collaborazioni tra i partner per contribuire allo sviluppo di una Cultura Europea.
In questo spirito, la Festa europea della Musica si fonda sui seguenti principi:
1. La Festa europea della Musica si svolge, ogni anno, il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate.
2. La Festa europea della Musica è una celebrazione della musica dal vivo destinata a valorizzare la molteplicità e la diversità delle pratiche musicali, per tutti i generi di musica.
3. La Festa europea della Musica è un appello alla partecipazione spontanea e all’espressione gratuita di tutti i musicisti, professionisti e amatori, solisti e di gruppo, e di tutte le istituzioni musicali.
4. Tutti i concerti sono gratuiti per il pubblico.
5. La Festa europea della Musica è soprattutto una manifestazione all’aperto che si svolge nelle strade, sulle piazze, nei giardini pubblici, nei cortili… Alcuni luoghi al chiuso possono essere ugualmente impiegati ma solamente se praticano la regola dell’accesso gratuito al pubblico. La Festa europea della Musica è anche l’occasione per utilizzare o aprire eccezionalmente al pubblico alcuni luoghi che non sono, tradizionalmente, dei luoghi di concerti: musei, ospedali, edifici pubblici ecc.
6. La Festa europea de la Musica è una giornata eccezionale per tutte le musiche e tutti i pubblici. I co-organizzatori si impegnano a promuovere, in questo quadro, la pratica musicale e la musica dal vivo senza fini né spirito di lucro.
7. I co-organizzatori si impegnano a rispettare lo spirito e i principi fondamentali della Festa europea della Musica come annunciati in questa carta.
L’assemblea conferma la sua decisione presa a Berlino il 28 febbraio 1997, di conferire all’A.D.C.E.P. il segretariato permanente della Festa europea della Musica.
Budapest, 1 novembre 1997