» » Voucher per il diritto allo studio 2019/2020

Voucher per il diritto allo studio 2019/2020

pubblicato in: Sociali | 0

A partire dal 18 aprile 2019 e fino al 30 maggio 2019 sarà aperto il bando per il diritto allo studio a favore degli studenti frequentanti la scuola Primaria – Secondaria di 1° grado – Secondaria di 2° grado.

Il voucher per il diritto allo studio per l’anno scolastico 2019/2020 presenta alcune innovazioni rispetto agli anni precedenti: le tre fonti finanziarie per il diritto allo studio, statale, regionale e borsa di studio, sono infatti confluite in un unico strumento. Il vantaggio è quello di presentare le richieste di contributo in un’unica domanda. L’erogazione del contributo è immediata: anche i libri di testo sono “pagati” tramite voucher.

I contributi previsti per il diritto allo studio sono quattro, finanziati con due fonti diverse e in un’unica domanda:

  • Voucher tipo A per iscrizione e frequenza;
  • Voucher tipo B per libri di testo, materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa, trasporti;
    Questi due voucher sono alternativi: si può richiedere o l’uno o l’altro.
  • Contributo per libri di testo.
  • Borsa di studio, IoStudio.

La procedura di richiesta del voucher scuola è totalmente informatizzata e viene effettuata sul sito istituzionale http://www.sistemapiemonte.it/cms/privati/istruzione/servizi/609-assegni-di-studio.
Per l’accesso al modulo informatico di domanda sono necessarie le credenziali Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale): le informazioni per ottenere le credenziali SPID sono consultabili sul sito https://www.spid.gov.it/richiedi-spid, per i cittadini il rilascio delle credenziali è gratuito.

I provider accreditati per il rilascio delle credenziali sono: Poste Italiane S.p.A., Aruba PEC S.p.A., In.Te.S.A. S.p.A., InfoCert S.p.A., Lepida S.p.A., Namirial S.p.A., REGISTER.IT S.p.A., Sielte S.p.A., TI Trust Technologies S.r.l..

Possono ancora essere utilizzate le credenziali di Sistema Piemonte usate per i precedenti bandi, accedendo al menù che prevede l’utilizzo di username, password e PIN. È tuttavia preferibile richiedere al più presto le credenziali SPID, perché a breve diventeranno obbligatorie per presentare la domanda. L’altro documento necessario è la certificazione ISEE 2019 in corso di validità alla data di chiusura del bando.

Tutti i contributi (se spettanti) saranno pagati dalla Regione Piemonte tramite voucher a partire dal mese di luglio.

Chi volesse ricevere ulteriori informazioni può contattare l’Ufficio relazioni con il pubblico della Regione Piemonte telefonando al numero verde 800 333 444, attivo da lunedì a venerdì dalle ore 8 alle 18.